“Volevo fare il regista e mi sono ritrovato mago” Conosciamo meglio Cino Tortorella

Cino Tortorella

Cino Tortorella è nato a Ventimiglia qualche decennio fa.

Conduttore televisivo, regista e scrittore. Nel 1959 fu l’ideatore e promotore della manifestazione canora Lo Zecchino d’Oro, che conduce fin dalla sua prima edizione. Il successivo spettacolo televisivo Zurlì il Mago del Giovedì ebbe un successo travolgente che è rimasto nel ricordo di tutti i bambini dell’epoca.

Nel 2002, in occasione della 45° edizione dello Zecchino d’Oro, Tortorella è entrato nel guinness dei primati per aver presentato lo stesso spettacolo più a lungo di chiunque altro al mondo. Riconosciuto dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità per la sua cultura di Pace, unico caso in assoluto per una trasmissione televisiva.

E’ stato autore e regista di Chissà chi lo sa? trasmissione andata in onda consecutivamente per 12 anni. Altre sue note e fortunate trasmissioni andate in onda sulla tv di stato sono Scacco al Re e Dirodorlando. E’ considerato uno dei “padri nobili” della trasmissione libera italiana.

Le esperienze di Cino Tortorella nel giornalismo e nella letteratura sono all’insegna dei più piccoli; oltre ad avere pubblicato importanti libri di fiabe, ha infatti collaborato con i più importanti settimanali per ragazzi fra i quali Topolino, Il corriere dei piccoli e Il giornalino. Tortorella è stato anche un raffinato gastronomo, ha diretto infatti il mensile Sapori d’Italia e collaborato per oltre dieci anni con Grand Gourmet.

E’stato Direttore della rivista Gustare l’Italia, Ambasciatore dell’Unicef e Portavoce della Associazione Famiglie Numerose. Impegnato costantemente per i diritti dell’Infanzia, tra i suoi progetti c’era la realizzazione di un docu-film sulla scorretta alimentazione infantile (Progetto S.O.S > Save Our Sons) e sul problema della denatalità nel mondo occidentale, in particolare in Italia (L’anno della Cicogna). In occasione dei suoi 1000 mesi, ha fondato l’Associazione Gli Amici di Mago Zurlì che sostiene progetti e proposte per l’infanzia.

Lascia un commento